A cosa servono e qual è la funzione del rendiconto consuntivo e del preventivo? Un pò di chiarezza sui documenti contabili spesso sottovalutati da chi vive in condominio. 

Tempo di vacanze: storie di ordinaria amministrazione.

E’ arrivata l’estate! Seduto davanti al computer, stai valutando mete turistiche e pacchetti viaggio per le ferie ormai prossime.

Hai già deciso che vuoi trascorrere le vacanze in famiglia, affittando una casa in riva al mare, oppure che preferisci la compagnia degli amici per affrontare un viaggio avventuroso, lontano da tutto e da tutti, in quel di Lido Marini o nell’esotica Maruggio.

Fatto sta che, individuata la tua meta, valutate le tue disponibilità economiche, stai considerando i costi approssimativi del tuo programma.

E così hai preventivato, su per giù, la spesa massima da destinare al tuo progetto: “X” euro per il biglietto aereo di andata e ritorno, “Y” euro per il vitto e l’alloggio, “Z” euro per gli spostamenti e cosi via.

Se stai organizzando il viaggio anche per i tuoi amici, avrai certamente previsto la spesa totale da affrontare e le quote a carico di ciascun partecipante: acconti da corrispondere alla prenotazione, termini per il pagamento del saldo e via dicendo.

E così facendo, hai organizzato le tue vacanze prevedendone il relativo costo; hai individuato dove andare e cosa fare, togliendo o aggiungendo voci di spesa, secondo le tue velleità e le tue disponibilità economiche.

Rientrato dalle vacanze, avrai certamente fatto un bilancio finale del periodo, valutando se hai sostenuto maggiori oneri rispetto a quelli preventivati. E così ti sarai reso conto di avere speso più di quanto previsto.

L’esempio ti è familiare, vero? Bene, così ti sarà più semplice applicare i medesimi concetti al rendiconto consuntivo ed al preventivo nel condominio.

Nell’articolo di oggi accenno in modo rapido e, spero, comprensibile ai due principali documenti contabili dell’amministratore di condominio.

Di ritorno dalla vacanza… dritto in assemblea di condominio!

Se vivi in condominio, ti sarà certamente capitato di partecipare all’annuale assemblea dei condomini  per l’approvazione del “rendiconto di gestione e del suo piano di riparto” oppure del “preventivo e del suo piano di riparto”.

Il rendiconto consuntivo.

Il rendiconto consuntivo è il documento contabile tramite il quale l’amministratore elenca le attività che ha compiuto nell’interesse del condominio, in un arco di tempo già conclusosi (solitamente coincidente con l’anno solare, dall’1 gennaio al 31 dicembre).

In questo documento sono quantificate le somme versate dai condomini e le spese affrontate dall’amministrazione per la manutenzione di parti ed impianti comuni.

Le spese, suddivise per categorie omogenee, sono riportate anche nel piano di riparto e distribuite tra tutti i condomini in proporzione delle quote di proprietà, stabilite dalle tabelle millesimali.

Operata la differenza tra quanto versato e quanto dovuto da ciascun condomino, emergerà un conguaglio a credito o a debito di questi verso l’ente.

Il rendiconto consuntivo ed il relativo piano di riparto, sono vincolanti verso tutti i condomini una volta approvati dall’assemblea.

L’impugnazione della delibera che lo approva, non ne determina la sospensione.

Il preventivo.

Il preventivo è, invece, un elenco delle “presumibili spese” che il condominio dovrà affrontare in un arco di tempo futuro o non ancora conclusosi: tale documento rappresenta una previsione di spese future, costruita sulla base delle spese sostenute nell’anno precedente.

Le spese così previste, suddivise per categorie omogenee, verranno ripartite tra tutti i condomini, in base alle tabelle millesimali, e poi suddivise in rate mensili, trimestrali, ecc.

In tal modo vengono individuate le quote periodiche che ciascun condomino dovrà versare al condominio, per la gestione delle parti comuni, nel periodo esaminato.

Il preventivo ed il relativo piano di riparto, sono vincolanti verso tutti i condomini una volta approvati dall’assemblea.

L’impugnazione della delibera che lo approva, non è causa di sospensione. La delibera è efficace finquando non viene annullata o dichiarata nulla con successivo sentenza del giudice.

focuslegale_contatta_avvocato_Marco_cavalli_banner

Perchè è necessario capire il contenuto del rendiconto consuntivo e del preventivo?

Rendiconto consuntivo: è il documento contabile più importante del condominio. Con esso, l’amministratore rende il conto della propria gestione dinanzi ai condomini.

In parole povere, tramite il rendiconto consuntivo è possibile operare una serie di controlli e verifiche sull’operato dell’amministratore, sulle modalità di utilizzo delle somme riscosse, nell’interesse del condominio, e sui criteri di ripartizione delle spese tra i condomini.

Un rendiconto ben fatto deve indicare i debiti assunti, nel periodo, dal Condominio con evidenza di quelli non ancora assolti.

Dal rendiconto è possibile desumere lo stato dei pagamenti tra i partecipanti al Condominio, con individuazione dei condomini in ritardo (cosiddetti morosi).

Tutti i flussi di danaro, che transitano in entrata e in uscita dalle casse del Condominio, devono essere inseriti in rendiconto e devono essere verificabili tramite le relative pezze di appoggio (fatture emesse dai fornitori del condominio).

Da alcuni anni è inoltre previsto l’obbligo giuridico, a carico dell’amministratore, di accendere un conto corrente distinto e separato per ciascun Condominio amministrato.

Viene così garantità la tracciabilità delle operazioni compiute in nome e per conto di ciascun ente gestito.

Preventivo: il preventivo è uno strumento che, una volta approvato dall’assemblea dei condomini, consente all’amministratore di procedere alla riscossione delle quote ivi previste.

Quasi sempre, le previsioni operate sono inferiori alle spese effettivamente sostenute nel periodo considerato, oggetto di successivo rendiconto consuntivo.

In sostanza, preventivo e rendiconto consuntivo sono documenti che si completano, il primo precede il secondo che lo conclude.

Sia il rendiconto consuntivo, sia il preventivo devono essere approvati dall’assemblea dei condomini.

La delibera con cui si approvano il rendiconto consuntivo ed il preventivo può essere impugnata dai condomini astenutisi, dissenzienti o assenti.

Sul punto, si dedicherà un articolo specifico.

CONTATTA L'AVVOCATO

Il rendiconto di condominio è sbagliato?

Se in rendiconto ti vengono addebitate spese non dovute, puoi impugnare la delibera che le ha approvate. Hai solo trenta giorni di tempo.

Contatta subito l’avvocato Marco Antonio Cavalli affinché esamini il rendiconto consuntivo del tuo condominio. Hai solo trenta giorni per impugnarlo!

CONTATTA L'AVVOCATO